Archivio storico del Quirinale: la storia italiana della sostenibilità

L’evento nazionale ha ripercorso le tappe fondamentali che hanno segnato l’entrata del concetto di sostenibilità nella cultura del Paese, dalle prime leggi sulla tutela del paesaggio fino alla modifica dell’articolo 9 della Carta.

Qual è stato il percorso normativo e culturale che ha portato all’inserimento nella Carta del concetto di tutela dell’ambiente, anche nell’interesse delle future generazioni? A questa domanda ha provato a rispondere l’evento nazionale “Ambiente, biodiversità, territori nelle memorie del Paese. A proposito del ‘nuovo’ articolo 9 della Costituzione: la tutela dell’ambiente ‘nell’interesse delle future generazioni’”, organizzato dall'Archivio Storico della Presidenza della Repubblica con l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata e l’ASviS, nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile. Il convegno è stato introdotto da Marina Giannetto, sovrintendente dell’Archivio storico della presidenza della Repubblica, che ha esordito spiegando l’intendo dell’iniziativa: “L’incontro è incentrato sulle dimensioni morali del cambiamento climatico e dello sviluppo sostenibile”. Giannetto ha poi ripercorso alcuni degli interventi legislativi fondamentali di cui si è dotato lo Stato italiano per preservare il paesaggio e l’ambiente per giungere infine “ai principi introdotti dalla legge costituzionale numero 1 del 2022, che favorisce una nuova formulazione dell’articolo 9 della Carta. Questo è un cambiamento radicale fondato su una duplice consapevolezza acquisita nel tempo: da un lato c’è un nesso inscindibile, volute e sottolineato dalla Costituzione, tra patrimonio ambientale e culturale, entrambi da valorizzare e salvaguardare. Da un altro lato questi patrimoni devono essere visti nella prospettiva nuova dei beni comuni”.

In foto, Marina Giannetto

In seguito è intervenuto Giulio Lo Iacono, coordinatore esecutivo dell’ASviS, il quale ha voluto prendere la parola prima di mostrare alcuni materiali Rai risalenti agli anni 1970 (un servizio telegiornalistico e l’ estratto di una puntata di “Superquarck”): “Ci siamo resi conto che spesso ci sono stati nella storia del nostro Paese degli esempi di sostenibilità inconsapevole, e lo vedremo attraverso i video. Oggi, buona parte dell’opinione pubblica sa di cosa si parla quando si parla di sostenibilità. Però ci sono stati anni in cui la sostenibilità non era ancora codificata in quanto tale. Ma esistevano buone pratiche già prima della codificazione e capire cosa significasse all’epoca essere sostenibili è molto importante per noi oggi”. Lo Iacono ha anche voluto sottolineare che “C’è anche un altro errore molto grave: fare senza comunicare. Se abbiamo delle buone pratiche bisogna metterle in comune, non solo per visibilità ma anche perché si mettono a fattor comune, si alza l’asticella del proprio settore”.

In foto, Giulio Lo Iacono

Il panel è proseguito con le parole di Andrea De Pasquale, sovrintendente dell’Archivio centrale dello Stato, il quale ha esordito, rispetto al tema della protezione dell’ambiente, sottolineando che “Sono i giovani a chiedere una pronta risposta e di dar frutto al dibattito che si è sviluppato negli ultimi 40 anni”. De Pasquale ha inoltre rimarcato l’importanza dei materiali archivistici nella elaborazione di strategie per la sostenibilità: “Parlare oggi di ambiente e paesaggio vuol dire parlare di tutela. Per esempio, i vincoli paesaggistici sono un imprescindibile strumento per la tutela del paesaggio. L’Archivio storico svolge il fondamentale compito di assicurarne la conservazione. Questa importante documentazione continua a essere frequentata per il suo valore probatorio e amministrativo.”

In foto, Andrea De Pasquale

Dopo le parole di De Pasquale sono intervenuti esperti e professori che hanno inquadrato il tema principale del dibattito all’interno di una lettura più scientifica del contesto.

Infine le conclusioni sono state affidate a Enrico Giovannini, che all’epoca dello svolgimento dell’evento era ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, il quale ha evidenziato che “Con il cambio della Costituzione di quest’anno abbiamo inserito nella Carta non solo la tutela dell’ambiente, ma la sua tutela anche nell’interesse delle future generazioni. È interessante notare che con l’introduzione dell’ambiente in Costituzione ci siamo uniti alla stragrande maggioranza dei Paesi dell’Ue, ma solo sei o sette Paesi membri hanno il concetto dell’interesse delle future generazioni all’interno dei principi fondamentali”. Giovannini si è poi interrogato sui cambiamenti materiali che porterà questa modifica costituzionale: “Il fatto di aver cambiato per la prima volta i principi fondamentali della Costituzione è un messaggio fortissimo, poi le nuove generazioni, quelle attuali, noi, dobbiamo decidere come usarlo. Perché i diritti poi si conquistano sul campo, non solo scrivendoli nella Carta”.

In foto, Enrico Giovannini


Di Milos Skakal

 

 

 

 

 

Giovedì 03 Novembre 2022